Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sandro Viola, l’attacco di un pezzo come la cravatta

Come nota il blog Pazzo per Repubblica è la quarta grande perdita in circa un anno per il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari e diretto da Ezio Mauro. Dopo Giuseppe D'Avanzo, Giorgio Bocca e Miriam Mafai scompare infatti un altro protagonista del giornalismo come Sandro Viola. Pugliese d’origine, giornalista de La Stampa, tra i fondatori de la Repubblica (basti pensare che fu lui a invitare Bernardo Valli), commentatore fuori dal coro di affari esteri, numero uno sul Medio Oriente. «Un amico vero. Uno che ti diceva le cose come stanno, in un mestiere in cui puoi morire imbecille senza saperlo», lo descrive proprio Valli. Un giornalista elegante nello scrivere come nel comportarsi, in teatri di guerra come in quelli d’opera. E a tal proposito è particolarmente bello tra i ricordi su Twitter quello di Luca Rigoni, giornalista di esteri di Tgcom24: «Non hai mai sbagliato un attacco, una citazione, una chiusa. E nemmeno una cravatta, la cosa più importante, avresti detto».