Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il film da vedere quest’estate

Prima di pensare che d'estate non ci siano bei film al cinema bisogna scoprire una chicca appena uscita. L'amore dura tre anni infatti è geniale. Viene dal libro di uno scrittore francese,  Frédéric Beigbeder, che del film è pure il regista, lo sceneggiatore e una comparsa. Guarda caso i dialoghi non lasciano a desiderare.
I protagonisti, Gaspard Proust, Louise Bourgoin e la top model Elisa Sednaoui sono espressivi al massimo. E insomma questa storia d'amore e sull'amore è da vedere. Perché fa sorridere, fa pure un po' pensare e soprattutto è un film fatto bene, con gusto dei dettagli, della recitazione, della regia. E poi è un lavoro contemporaneo. Che affronta i problemi eterni dell'amore – la durata, il matrimonio, il tradimento, il lasciarsi e riprendersi di una e più coppie – ma lo fa nell'oggi e con parole odierne. «L'amicizia tra uomo e donna è come l'energia eolica – scherza per esempio il protagonista – : se ne parla molto ma è aria fritta!».
Divertente infine che a fronte di simili novità pop non si tema di rappresentare nel film il mondo editoriale, i premi letterari, giornalisti e scrittori (anche veri), nonché il cantante Michelle Legrand, vecchia gloria presente pure al piano con I will wait for you e Les moulins de mon coeur.
Anche la poesia non manca e la morale del film è affidata in più punti al sonetto di William Shakespeare: «Amore non è Amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro s'allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai; è la stella guida di ogni sperduta barca, il cui valore è sconosciuto, benché nota la distanza. Amore non è soggetto al Tempo, pur se rosee labbra e gote dovran cadere sotto la sua curva lama; Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio: se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato».

twitter @rigatells