Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Perché la bersaniana Moretti dà ragione a Renzi

Non abbiamo nulla contro Alessandra Moretti, la
vicesindaco di Vicenza adottata da Pierluigi Bersani come suo volto televisivo. E' giovane, in gamba e pure bella. Ha anche una parlata veneta senza
esagerare che fa tanto rappresentante degli enti locali. E allora cos'è che non
torna?
Beh, ma come? Il segretario del Pd snobba il
rivale Renzi come un sindaco inesperto di alta politica e poi manda in tutte
le trasmissioni tv al suo posto una vicesindaco veneta? Va bene il rinnovamento, ma la scelta non pare logica.
E allora perché proprio Moretti? Non è pensabile che la scelta sia stata casuale. Su, andiamo, l'abbiamo detto: Alessandra
Moretti è giovane, in gamba e pure bella. Buca il video, insomma. E per carità
non c'è niente di più legittimo della bellezza se fosse stata scelta apertamente per questa ragione. Invece lei è spuntata fuori senza un motivo preciso per cotrastare lo strabordare renziano. Solo che finisce per dare ragione al sindaco di Firenze.
Non solo perché anche lei viene dall'amministrazione locale, non solo perché dimostra che Bersani deve farsi rappresentare da una giovane e nascostamente bella per contrastare l'avversario, ma anche perché Moretti pure per la sua storia è della stessa generazione postideologica di Renzi. Lei che viene dal bianco Veneto ha più in comune con lui che col segretario del Pd. E anzi, forte della sua bravura e bellezza, stavolta dichiarate, è la perfetta vice in quota Bersani di un ticket con Renzi per le prossime elezioni.

twitter @rigatells